cause e conseguenze dei disturbi alimentari

Quando la “testa” boicotta il dimagrimento
29 Luglio 2015
che differenza c’è tra psicologo e psicoterapeuta ?
4 Agosto 2015

cause e conseguenze dei disturbi alimentari

Cause e  conseguenze 

dei Disturbi Alimentari 

La valutazione dello stato di salute e dei rischi fisici va sempre effettuata nel momento della presa in carico del paziente con DCA. Il percorso medico comprende il coordinamento delle consulenze di altri specialisti (ginecologi, cardiologi, gastroenterologi ecc.), la comunicazione alla famiglia dello stato di salute del paziente se la persona è minorenne e il mantenimento di  un contatto costante con il medico curante, previa autorizzazione del paziente.

Le alterazioni biologiche dei DCA sono principalmente collegate alle patologiche modalità di alimentazione, alle condotte di eliminazione e ai comportamenti compensatori e all’abuso di farmaci e sostanze (lassativi, diuretici, droghe, alcol).

Le alterazioni dello stato nutrizionale e la malnutrizione sono presenti in tutti i DCA e se in alcuni casi raggiungono dimensioni macroscopiche, in altri, pur rimanendo fattori di rischio importanti, possono non evidenziarsi.

Complicanze mediche dell’anoressia nervosa

Nelle forme di tipo restrittivo il quadro clinico è dominato da una grave denutrizione caratterizzata dalla progressiva riduzione del volume degli organi, del muscolo scheletrico e della massa ossea, mentre si ha un certo grado di persistenza delle funzioni vitali dal momento che si attua un equilibrio fisiologico di tipo adattivo. Nel caso di pazienti affetti di anoressia di tipo bulimico alla denutrizione cronica si aggiunge spesso un grave squilibrio idroelettrico ed è frequente il riscontro di alterazioni all’ECG, soprattutto in presenza di ipopotassiemia.

Tra le complicanze gastrointestinali sono comuni aspetti di ridotta motilità gastrointestinale responsabile di ritardato svuotamento gastrico e precoce senso di ripienezza gastrica, sensazione di gonfiore, dolori addominali e stipsi. Questa sintomatologia tende a migliorare con il progressivo recupero del peso e può essere inizialmente gestita ricorrendo ad integratori liquidi e al frazionamento dei pasti giornalieri.

Le alterazioni a carico dell’apparato cardiovascolare sono molto frequenti e dipendono dalla durata, severità e rapidità del calo ponderale. Nel sottopeso grave si realizza un’ipotrofia della muscolatura scheletrica e anche di quella cardiaca con riduzione del volume delle camere cardiache, riduzione della massa cardiaca e conseguente diminuzione della gittata cardiaca (Riggs et al., 2003). Queste alterazioni si instaurano quando il peso è inferiore del 20% rispetto a quello ideale (Olivares et al., 2005) e migliorano con il recupero ponderale per poi normalizzarsi con la guarigione clinica. Altri aspetti presenti sono la bradicardia (frequenza cardiaca < 60 bpm) e l’ipotensione (pressione sistolica < 90 mmHg e/o pressione diastolica < 50 mmHg).

In seguito ad avanzata malnutrizione proteico-energetica compaiono alterazioni ematologiche dovute alla mancanza di ferro, folati, vitamina B12, la riduzione del numero di globuli bianchi e di piastrine, riduzione dell’emoglobina e altre anomalie di vario genere che determinano una alterazione della funzione immunitaria (Ballardini, Schumann, 2003°; Minsra et al., 2004; Vande Zande et al., 2004).

Il digiuno prolungato può determinare alterazioni metaboliche come ipoglicemia, spesso asintomatica, ipercolesterolemia e riduzione dello zinco plasmatico e determinare alterazioni ossee con quadri di osteopenia e osteoporosi che espongono a rischio di frattura 7 volte maggiore rispetto a quelle di coetanei sani (Golden et al., 2002).

Le alterazioni endocrine sono più frequenti nelle pazienti AN rispetto a quelle BN e coinvolgono in particolare gli assi ipotalamo-ipofisi-ovaio, ipotalamo-ipofisi-tiroide e ipotalamo-ipofisi-surrene. Queste alterazioni determinano le seguenti disfunzionalità:

  • amenorrea
  • blocco dello sviluppo sessuale e fisico se l’AN compare in fase prepuberale
  • alterazioni nella funzionalità tiroidea
  • anomalie endocrine
  • alterazioni strutturali a livello cerebrale, rappresentate da atrofia cerebrale con dilatazione ventricolare, allargamento dei solchi cerebrali, aumento del liquido cefalo-rachidiano, riduzione della sostanza bianca e grigia. Questo quadro è definito “pseudoatrofia” (Herholz, 1996).
  • Insufficienza renale e, nei casi più gravi, nefropatia cronica (Takakura et al., 2006)
  • Alterazioni idroelettriche

Nei casi più gravi di AN può insorgere insufficienza respiratoria (Gradini et al, 2009).

 

Complicanze mediche della bulimia nervosa

Anche nella BN possono essere presenti complicanze legate al deficit nutrizionale ma sono più caratteristiche quelle conseguenti al Binge (abbuffata) o al purging (vomito auto indotto). Le complicanze gastrointesinali sono caratterizzate dai sintomi gastroesofagei e i segni a carico del cavo orale consistenti in microlesioni e nell’erosione dello smalto dentale che determinano ipersensibilità ai denti alle variazioni caldo/freddo, gengiviti e parodontiti. La sintomatologia gastroesofagea è clinicamente predominante e comprende esofagite, erosioni e ulcerazioni esofagee, raramente si rilevano la presenza di pancreatiti o dilatazione gastrica. Particolare attenzione deve essere posta all’eventuale presenza di sangue nel vomito. Frequenti sono anche i segni a carico del colon, come colite disfunzionale e disturbi dell’alvo, dalla stipsi alla diarrea secondaria all’uso di lassativi.

La malnutrizione, il vomito autoindotto e l’abuso di lassativi e diuretici può causare polmonite ab ingestis e squilibri idroelettrici come l’ipokaliemia e l’iponatriemia, con conseguenze in rari casi fatali.

 

Complicanze mediche della sindrome da alimentazione incontrollata

La maggior parte delle complicanze mediche della sindrome da alimentazione incontrollata è correlata all’obesità a cui generalmente è associata (Grucza et al., 2007). Nella popolazioni cliniche di obesi la prevalenza di questa sindrome è estremamente variabile e va dal 7,5 al 30% (Ricca et al., 2000).

Questi soggetti presentano una maggiore frequenza di diabete di tipo II, ipertensione, disturbi alla vista, asma, osteoporosi e sintomatologia gastrointestinale  rispetto alla sola popolazione obesa (Bulik et al., 2002; Crowell et al., 1994).

Per quanto riguarda le complicanze strettamente legate all’obesità, una delle più temibili è la sindrome metabolica, condizione che colpisce circa il 20-25% della popolazione generale (Cranford, 2003), ed è caratterizzata da obesità viscerale, dislipidemia, alterazioni del meccanismo glucidico e ipertensione arteriosa (Grundy et al., 2005). Alla base di questa sindrome si ritrova una resistenza all’azione insulinica, accompagnata da uno stato proinfiammatorio e protrombotico. Risultano inoltre aumentati i livelli circolanti di grassi acidi liberi, angiotensina II e adipochine, che mantengono lo stato dismetabolico alla base di tale sindrome.

Un’altra complicanza medica che può associarsi alla sindrome da alimentazione incontrollata è la presenza di ovaio policistico, un disordine endocrino che può causare infertilità ( Naesen et al., 2006).

 

BIBLIOGRAFIA

Ballardini B. Schumann R.; La riabilitazione psiconutrizionale nei disturbi dell’alimentazione, 2011, Editore: Carrocci, Roma.

Dalle Grave R. Come vincere i disturbi dell’alimentazione. Un programma basato sulla terapia cognitivo

Comportamentale, 2011, Editore: PositivePress, Milano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × 2 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.