Quando la “testa” boicotta il dimagrimento

I pensieri che ostacolano la perdita di peso, chiamati anche pensieri sabotatori o problematici sono definiti in questo modo perché portano ad assumere comportamenti che sabotano il tentativo di dimagrimento. In genere sono automatici, direttivi e inconsci, ovvero la persona li pensa e ne subisce le conseguenze senza  rendersene  conto.

I più comuni pensieri sabotatori sono gli autoingannni, questi pensieri di solito iniziano con la frase «mangio perché» . Le ragioni per giustificare il mangiare in eccesso sono molteplici ma tutte ottengono in genere l’effetto di sabotare il proprio tentativo di perdere peso; tra questi i più comuni sono “ mangio perché è un’occasione speciale” , “mangio per educazione” e “mangio perché sono stressato”.

Altri pensieri molto comuni sono i pensieri di autocritica, di ingiustizia e impotenza. I pensieri di autocritica sono pensieri critici su di se e sulla propria capacità di perdere peso, questi pensieri creano emozioni negative (soprattutto rabbia, ansia e tristezza) e facilitano l’abbandono della dieta, solitamente assomigliano alle seguenti frasi “ non ho forza di volontà ..” e “tanto non cambierò mai”.

I pensieri di ingiustizia sono pensieri che di solito iniziano con la frase « non è giusto che io stia a dieta perché…», essi sabotano la dieta perché portano la persona a dieta a concentrarsi solo sugli aspetti negativi della restrizione alimentare e a osservare e “interpretare” i comportamenti altrui solo quando si concedono pasti abbondanti tralasciando quando invece assumono pasti nella norma o leggermente restrittivi. La sindrome dell’ingiustizia favorisce l’abbandono del tentativo di perdere peso e si può identificare nella frase “non è giusto che io stia a dieta mentre tutti gli altri mangiano”.

Infine il  pensiero di impotenza  inizia con la frase «è più forte di me».  Questi pensieri boicottano la dieta perché sono dipendenti dalle variazioni d’umore e sono pessimisti e pervasivi. Quando una persona sperimenta queste emozioni infatti, percepisce una calo dell’autostima e l’obiettivo di perdita di peso diventa irraggiungibile, questa sensazione incrementa poi il senso di fallimento e di colpa e innesca un circolo vizioso che abbassa ancora di più l’autostima con ripercussioni sul piano alimentare.

L’importanza di affrontare i processi cognitivi nel trattamento dell’obesità è supportata da alcuni studi in cui si è dimostrato che l’aggiunta di procedure cognitive ai tradizionali programmi comportamentali di modificazione dello stile di vita si associa a un migliore mantenimento del peso e a un minore recupero ponderale (Riccardo Dalle Grave, 2012).

Nella mia pratica clinica aiuto le persone a identificare quali sono i pensieri problematici e le emozioni che ostacolano la perdita peso per aiutarli a diventare più consapevoli delle loro dinamiche interne e interrompere così i circoli viziosi che determinano l’effetto yo yo del peso o il fallimento delle diete alimentari.

 

 

 

BIBLIOGRAFIA

 

Dalle Grave R., Perdere e mantenere il peso perduto. Un nuovo programma cognitivo comportamentale, Editore: PositivePress, Milano

 

Dalle Grave R., Perdere peso senza perdere la testa. Il peso ragionevole in 7 passi, Editore: PositivePress, Milano

 

Dalle Grave R., Il primo passo per perdere peso. Informazioni sulla terapia cognitivo comportamentale dell’obesità, Editore: PositivePress, Milano

 

Lascia un commento

Altri articoli

Sono obesa. Senza giri di parole e senza edulcorare la pillola. Sono obesa. E no, non ne vado fiera. Ho una vergogna …

Perché ci si ammala ? Perché partendo, ipoteticamente, da una dieta, da un desiderio di mettersi in forma, da una parola, un …

“Sono grassa!” sempre più spesso ragazzine di tutte le età pronunciano questa fatidica frase che, seppur a prima vista sembrerebbe solo un …

Liberamente tratta da una lettera di una paziente .. “Quando ero grassa ..”  Ricordo l’esatta sensazione che provavo verso il mio corpo …

Non esiste una stima condivisa della prevalenza di anoressia e bulimia, per la difficoltà di uniformare gli studi volti a definirla. In …

Psicologia e cibo: come dimagrire usando la testa Un programma basato sulla terapia cognitivo-comportamentale   Per chi è indicato il programma? Quando si …

Diete e stili alimentari: quanto siamo influenzabili ?   Se ci guardiamo attorno ci rendiamo conto che siamo sommersi da diete di …

  “Mi sento brutta” Donne allo specchio Il corpo della donna è da sempre oggetto di confronti, strumentalizzazioni e tabù, ma da …

Mangiare di notte: Sindrome da alimentazione notturna La sindrome da alimentazione notturna consiste in un’associazione tra un disturbo alimentare, un disturbo del …

Attività fisica per dimagrire: quando lo sport diventa un’ossessione ? Andare in palestra fa bene alla salute, migliora l’umore e aiuta a …

Soffri di un disturbo da alimentazione incontrollata ? ora c’è un test per scoprirlo esegui il test

  Effetto yo – yo nella dieta    Ti è mai capitato di sacrificarti per fare una dieta, ottenendo ottimi risultati, e …

Personalità e Alimentazione Dott.ssa Gloria Fioravanti I tratti di personalità sono le caratteristiche stabili che definiscono il carattere di una persona. Dall’analisi …

I disturbi alimentari sono considerati come le psicopatologie che più vengono influenzate dalla cultura: in particolare i canoni di bellezza femminile sono …

Quando ricorrere alla chirurgia bariatrica ?  Cos’è la chirurgia bariatrica ? La chirurgia bariatrica consiste in un insieme di procedure che promuovono …